Una superstar o un vero ambasciatore?

Ogni anno, le case orologiere investono in media dal 10% al 20% del loro fatturato in attività di marketing, e un terzo di questo budget è dedicato alla sponsorizzazione, considerata lo strumento di commercializzazione con la maggiore redditività in base all’investimento effettuato. 

Il sogno americano è morto

Oggigiorno, i nomi più famosi conquistano il maggior numero di consensi. In quest’epoca di globalizzazione, sembra logico avere testimonial di fama internazionale. Tuttavia, stiamo assistendo ad una crescente necessità di accessibilità e vicinanza, e queste stelle impalpabili non catturano più come prima l’immaginazione.

L’ambasciatore del futuro

Più che alle superstar, pensiamo che il futuro appartenga ai microambasciatori, personalità importanti dall’aria familiare e non irraggiungibili. Seguendo questa filosofia, tempo fa abbiamo rivolto un appello ai talenti nella nostra community, ed è così siamo stati contattati da Nigel Bailly, un giovane pilota paraplegico. La sua storia ci ha commosso, e lui è diventato il primo ambasciatore di CODE41.

Nigel Bailly

Pilota da corsa

Per saperne di più

Unitevi ai nostri ambasciatori

Avete una storia da raccontare o un talento speciale da mostrare? Conoscete un personaggio fuori dall’ordinario? Allora contattateci.

Contattci