IL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE ESCLUSIVA E IL POTERE DELLA COMMUNITY

Le reti di distribuzione sono sature e non hanno saputo tenere il passo con le abitudini d’acquisto attuali. A tal proposito, incentiveremo la community offrendo una commissione del 10% a chiunque aiuti a favorire la vendita di un articolo.

LA DISTRIBUZIONE ESCLUSIVA

Il modello di distribuzione tradizionale è tuttora quello prevalente per alcune marche specifiche di orologi. Il modello è semplice: il produttore pensa e realizza il prodotto, il distributore (o una filiale dell’azienda) si occupa delle vendite nel territorio in cui ha l’esclusiva, il rivenditore mette infine il prodotto in esposizione nel proprio negozio e assiste il cliente.

La distribuzione tradizionale offre alcuni indubbi vantaggi: l’amante degli orologi può osservare, toccare e provare l’orologio prima dell’acquisto; può anche farsi consigliare dal rivenditore, e indossare immediatamente il suo nuovo orologio.

Tuttavia, le reti di distribuzione sono ormai sature. Inoltre, negli ultimi anni, i rivenditori al dettaglio hanno subito forti pressioni da parte delle grandi aziende, le quali:

  • Hanno imposto quantità minime troppo elevate, bloccando somme considerevoli di denaro
  • Hanno richiesto che i loro prodotti fossero esposti in bella vista, a scapito delle marche minori
  • Hanno minacciato il ritiro dei prodotti del loro brand di punta qualora il rivenditore vendesse anche prodotti concorrenti

In un simile contesto, un brand giovane si trova a dover affrontare una dura battaglia per trovare posto sugli scaffali. Inoltre, i rivenditori più in difficoltà hanno accumulato giacenze di magazzino notevoli. Questa situazione, resa più grave dalla crisi globale, incoraggia lo sviluppo di un mercato grigio.

Le reti di distribuzione sono ormai sature, e i rivenditori al dettaglio hanno subito forti pressioni da parte delle grandi aziende

MERCATI PARALLELI

I mercati paralleli considerati validi da un punto di vista giuridico sono due: il mercato secondario e il mercato grigio.

Il mercato secondario viene gestito generalmente dal produttore, e permette a quest’ultimo di vendere prodotti di collezioni passate che non hanno avuto il successo atteso nei mercati chiave. Questi prodotti vengono venduti a prezzi più bassi in paesi in cui il brand ha minore visibilità.

Il mercato grigio, nei paesi in cui è considerato legale, non è autorizzato dal produttore. Tale mercato è per lo più in mano a rivenditori indipendenti, i quali puntano più sulla vendita in grandi quantità che su margini di profitto elevati. In genere, questi rivenditori acquistano i prodotti in eccedenza dai rivenditori ufficiali e li vendono a prezzi scontati dal 30 al 50% circa.

Di solito, naturalmente, i produttori tentano di contrastare il mercato grigio, ma in situazioni di emergenza si trovano a dover spesso chiudere un occhio, poiché questa rete parallela li aiuta a smaltire le giacenze in eccesso ed evitare l’esplosione della bolla.

Di seguito sono riportati alcuni dei fattori che possono dare linfa vitale al mercato grigio:

  • Eccessivo squilibrio tra il prezzo di costo di un orologio e il suo valore intrinseco.
  • Sovrapproduzione che crea un eccesso di scorte tra il produttore e i rivenditori al dettaglio.
  • Prezzi diversi a livello territoriale, secondo una pratica commerciale per cui il prezzo al dettaglio viene adattato al potere d’acquisto nei vari paesi.

Il mercato grigio è un vero e proprio cancro per la distribuzione.

EBBENE, QUAL È LA NOSTRA PROPOSTA?

La crescita sensibile del mercato grigio negli ultimi anni è uno dei tanti indicatori che le abitudini di acquisto stanno cambiando. Internet ha sconvolto l’idea di distribuzione esclusiva sul territorio. Inoltre, grazie ai social network, il nuovo consumatore moderno si informa, condivide e commenta.

Nell’ambito di questa nuova realtà, abbiamo deciso di utilizzare dei canali di distribuzione che ci permettessero di stare più vicini ai nostri clienti, eliminando così i margini degli intermediari:

La vendita diretta ai clienti finali mediante il nostro sito web

La vendita via dropshipping
Il dropshipping è un sistema a tre livelli in cui il cliente effettua un ordine su un sito web partner del produttore. Quest’ultimo riceve l’ordine dal sito partner, e provvede alla consegna e alla gestione dell’inventario. Il partner non corre alcun rischio relativo ad eventuali giacenze di magazzino, e percepisce una commissione compresa tra il 20% e il 40% sul prezzo di vendita.

Vendite tramite pop-up store
L’idea nasce agli inizi degli anni 2000. In sostanza, si tratta di un negozio creato appositamente per restare in funzione per alcuni giorni, a volte per qualche settimana. È un concetto interessante per due motivi: in primo luogo, il carattere di istantaneità e fugacità di questi negozi suscita la curiosità del consumatore e incentiva il suo desiderio di acquistare; in secondo luogo, questi eventi “insoliti” destano l’interesse dei media.

Internet ha sconvolto l’idea di distribuzione esclusiva sul territorio.

MA CIÒ CHE RENDE DAVVERO SPECIALE IL NOSTRO MODELLO… SEI TU!

La vendita online è in rapida crescita, ma presenta ancora alcuni aspetti negativi, in particolare l’impossibilità di toccare l’orologio prima dell’acquisto. I pop-up store, o “negozi a tempo”, sono una valida alternativa, ma non sono adatti a tutti i paesi.

La rete Internet ha dato origine a vere e proprie comunità, i cui membri amano condividere le proprie passioni. Per questo motivo, abbiamo deciso di coinvolgere il cliente nel processo di vendita, essendo proprio il cliente colui il quale può rappresentare al meglio i nostri orologi. Intendiamo invogliare il cliente a confrontarsi con la community sul suo orologio, coinvolgendolo nel processo di sviluppo e dandogli una commissione del 10% su ogni vendita che riuscirà a generare.

E non è finita qui. I potenziali clienti possono mettersi in contatto con altri possessori dello stesso orologio che sono interessati ad acquistare. Utilizzando un’applicazione per dispositivi mobili, il potenziale cliente potrà contattare un cliente nelle vicinanze per organizzare un incontro e visionare l’orologio. A quel punto, il futuro cliente potrà ordinare il suo orologio con grande fiducia e lo sponsor riceverà una commissione del 10%.

Quale miglior ambasciatore per noi se non un cliente soddisfatto? Ecco perché, per ogni vendita generata, otterrà 10% di commissione.

Utilizzando un’applicazione per dispositivi mobili, il potenziale cliente potrà contattare un cliente nelle vicinanze per organizzare un incontro e esaminare di persona l’orologio.

Inserisci il tuo indirizzo email e ricevi un link speciale per accedere al capitolo successivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Filtra commenti:
Tutti (26)
Francese (17)
Inglese (7)
Olandese (2)

  1. renebiget1 dice:

    Très intéressant votre projet !

    Je donne des cours d’initiation à l’horlogerie pour des passionnés et de nombreux élèves me posent les questions que vous vous posez et que vous vous proposez de régler élégamment, je vous admire!

    Seriez-vous intéressés par un Pop-up store le dimanche 18 septembre 2016 pour la 3e bourse horlogère Lilloise, organisée par l’Association Montres & Mécaniques, dont je fais aussi partie.?

    Impatient de voir vos propositions de design et vos prochaines montres…

    René Biget

    • Claudio dice:

      Merci René pour votre feedback.
      Ca aurait été avec plaisir mais, selon notre palnning, le 18 septembre 2016 nous serons en pleine campagne de crowd funding. Peut être l’année prochaine.

  2. Enrique Galeano dice:

    Moi, je suis de nationalité paraguayenne, passionnée pour l’horlogerie. Et même que je n’ai pas de diplôme pour être horloger en France, je me met à le faire en tant que hobby. J’adore votre planning de travail pour le mettre en vente.

    Chapeau à l’équipe

  3. tommastis6 dice:

    Entièrement d’accord avec vous sur le sujet de la pression des grands groupes! Bon concept et des idées efficaces, mais vivement le volet 4. Nous avons envie de voir le design!

    • Claudio dice:

      Oui je comprends, beaucoup de théorie pour le moment mais ça nous a paru indispensable d’établir de nouvelles bases avant d’arriver avec un produit, aussi beau soit-il 🙂

  4. davisc02 dice:

    Un système qui offre la possibilité à tout un chacun de recevoir une somme pour son aide à la vente? Pourquoi pas. Je suis impatient de voir si un système comme celui-là fonctionne. Très bonne initiative

    • Claudio dice:

      Merci 😉 Comme nous l’avons expliqué au début, nous allons expérimenter des idées diverses mais bien sûr le succès n’est jamais garanti. Remettre en question les règles établies nous a paru la seule façon de créer (encore) une nouvelle marque horlogère. Voyons ou cela nous mènera 🙂

  5. tomyqdance2 dice:

    De très bonne idées sur le système de distribution, très intéressant le système de prime de 10% cela encouragera tout le monde à vendre vos montre. Vivement le 4e volet a très vite je vous suis de prêt.

privacy policy - Cookies